15 luglio 2008

e via!...con la paura

Black vola benissimo e a lungo,continua con le sue scappatelle, è vivace e ricomincia anche con le acrobazie...ma non è ancora guarito,e io ho paura!!! Oggi sono andata anche a recuperarlo nella parte trafficata della via,e anche gli ultimi a non conoscerlo,vedendolo oggi sulla mia spalla,placido e beato mentre passegiavamo ritornando a casa,dopo un breve strabbuzzamento d'occhi e qualche domanda sbalordita (anche originale stavolta,con il proprietario di un negozio di abbigliamento che mi domanda "ma come fai?" a fare cosa non l'ho capito,mi sono limitata a dirgli "l'ho cresciuta io",sguardo alienante piccolo gesto con la testa come ad annuire poi è rientrato nel negozio...credo che credano sia pazza come sostiene mia mamma...) hanno capito che quell'animale che spesso "cinguettava" amabilmente sui balconi bassi,l'ombra nera che si stagliava sulle macchine a bassa quota è lui,Black,il bestio nero,il cataclisma di via Giacomo Matteotti,l'incubo dei pinoli. E la paura mi angoscia,non lo sono mai andato a riprendere,tranne le prime volte che non conosceva ancora il paese,gli dovrei dare fiducia? dovrei spronarlo a farcerla con le sue forze? E' che nonostante voli quasi come un tempo quando torna è così affaticato che trscina l'aletta,e molto spesso non riesce a spiccare il volo in verticale nemmeno per mezzo metro scarso. Non sò proprio che fare,sono due giorni che mi dico "ok,stanotte gli apro la gabbietta così domattina fà quel che vuole",come ho fatto i primi tempi che lo abituavo alla libertà, poi però non mi decido mai,come quando ci si fà la ceretta da soli che si conta fino a tre all'infinito prima di strappare. E' che non sò proprio capire se ce la può fare o meno,e come se non bastasse è una settimana buona che non vedo e non sento le taccole del clan. Possibile che si siano completamente disinteressate a Black in così poco tempo? E se fossero state proprio loro a fargli del male e a scacciarlo? Non voglio nemmeno pensare a quest'alternativa,se fosse così Black sarebbe solo fino alla nascita di un nuovo eventuale clan in zona...cosa poco probabile visto la grandezza ridotta del territorio.


In ogni caso visto che domani riuscirò a vedere il mio Siepe adorato, andremo al cinema a vedere "Hell Boy - the golden Army" e torneremo insieme venerdì,Black farà un piccolo sacrificio e starà dentro il suo recintino fino al mio ritorno,perchè è troppo pestifero e mamma non riuscirebbe più a rimetterlo nel recinto con il rischio che rimanga fuori in balia dei predatori,della sua stupidità che gli dice "vola Black,ce la puoi fare" e invece non ce la fà e di chissà quali strani eventi. Poi tornerò e dovrà abituarsi alla presenza del Siepe (che lui odia) perchè rimarra con noi un pò di tempo visto che io sono zavorrata a Black ;P Il problema sarà quando andrò in vacanza...una settimana in cui Black starà dove!?Ah..a proposito degli elementi...l'altro ieri ha scoperto la pioggia! Da quando l'ho trovato aveva piovuto solo quand'era molto piccolo e stava in casa,non poteva vederla...e quando l'ha vista è stata una comica! Black è spesso abituato a fare bagni e doccette,anche fuori sul balcone. Quando fà molto caldo tiro fuori il gorsso sottovaso che stà nel suo recinto,in cui si fà spontaneamente il bagno,lo metto sul tetto della sua gabbia e con un grossa brocca di platisca comincio a far cadere l'acqua a filo,e per lui è una festa,perchè gli piace tantissimo bagnarsi al sole.Stavamo dentro casa quando ha iniziato a piovere. Ci siamo appoggiati sul davanzale della finestra aperta e inizialmente guardava dritto davanti a lui allungando il collo in direzione dell'acqua,dopo ha fatto un saltello fuori,non appena ha capito è tornato dentro spaventato e ha cominciato a guardare convulsamente verso l'alto a destra e a sinistra eccitato e spaventato allo stesso tempo come a cercare la brocca che di solito gli fà cadere l'acqua in testa,quanto ho riso! Un pò meno quando la notte stessa si è scatenato tipo uragano e Black era fuori,opportunamente coperto ma comunque vittima degli elementi,ho avuto il morso alla stomaco fino a che non mi sono addormentata,però dovevo lasciarlo fuori,nonostante fosse spaventato e solo,la pioggia e le intemperie sono un'altra cosa a cui purtroppo si deve abituare. Io invece devo abituarmi al fatto che è estate e non posso usufruire spesso del forno come vorrei,però qualche eccezione si può fare,sopratutto per dolci come questo! L'ho letto da Dolcetto qualche tempo fà,l'ho Dovuto rifare...un pò modificato però ^_^

La ricetta per la torta è presa da questa , solo che ho sostituito all'infuso il carcadè , non l'ho accompagnata con una gelatina ma l'ho farcita con una crema sempre a base di carcadè.

Torta al carcadè

per la torta

  • 220 gr di farina
  • 70 gr di fecola di patate
  • 3 uova
  • 90 gr di burro
  • 170 gr di zucchero
  • 1 bustina di lievito
  • 1 pizzico di sale
  • 5 cucchiai di carcadè
  • 60 ml di acqua

per la crema

  • 250 ml di panna
  • 300 ml di carcadè
  • 50 gr di fecola di patate
  • 6 cucchiai colmi di zucchero

1-Preparare il carcadè mettendo in infusione i 5 cucchiai colmi in 360 ml d'acqua (60ml per la torta e 300 per la crema) precedentemente portata ad ebbollizione.Lasciare in infusione coperti per circa minuti e poi filtrarlo lasciando da parte qualche manciata di fiori per le decorazioni.

2-Lavorare con le fruste elettriche le uova,lo zucchero ed il pizzico di sale, unire il burro ammorbidito e tagliato a pezzetti e versare il carcadè caldo a filo continuando a lavorare con le fruste. Aggiungere poco per volta la farina setacciata con la fecola ed il lievito continuando a lavorare ancora con le fruste. Il composto dovrà risultare molto soffice e liscio.

3-Versare l'impasto nella tortiera imburrata ed infarinata e cuocere in forno preriscaldato a 170 ° per circa 25 minuti. (La ricetta di dolcetto ne prevedeva 45",però a me si è cotto prima,forse il forno mannaro ha ulteriormente sballato la temperatura,comunque aprire il forno e fare la prova dello stuzzicadente dopo 20/25 minuti...io ho rischiato di bruciarlo :P)

4-Preparare la crema. Unire in una pentola la panna, 250 ml di carcadè e lo zucchero. Sciogliere la fecola in 50 ml di carcadè e unirla a filo e poco per volta mescolando energicamente affinchè non si formino grumi nella pentola con la panna e il carcadè messa su un fornello medio a fuoco vivace mescolando con una frusta continuamente fino a bollore,a quel punto abbassare la fiamma e far addensare sempre mescolando.Togliere dal fuoco e lasciar intiepidire girando ogni tanto.

5-Tagliare orizzantalmente la torta tiepida in due strati e unire la crema ancora calda.Lasciar raffredare almeno 5 ore coperta con della pellicola trasparente e poi servire decorando con qualche ciuffetto di fiori serviti per l'infuso.

10 commenti:

la tribu' ha detto...

E' fantastica questa torta, con un ingrediente davvero particolare e per me quasi inutilizzato! Mi sa di estete, la devo provare! Elga
http://semidipapavero.splinder.com

Dolcetto ha detto...

Uau, con il carcadè che buona!! E chissà che buona la cremina!!

Micaela ha detto...

buonissima la torta!!! Black mi sta troppo simpatico! Io non sarei capace di lasciarlo andare, lo adotterei come animaletto domestico!

Fra ha detto...

Ciao Bocetta! Capisco le tue ansie...magari aspetta un altro po' se ti fa stare più tranquilla, ma prima o poi dovrai affrontare la grande prova e Black con te :)
La rivisitazione della torta è fenomenale, mi paice molto come hai variato la ricetta
Bravissima

Elisa - Basilico&Co. ha detto...

Povero Black.. più passa il tempo e più vi affezionerete..
La torta pare ottima!!
I miei felidi sono dei cacciatori.. almeno il ciccio Linux, il più "vecchio" e grande di tutti (non ha ancora 2 anni) è riuscito a prendere un'uccellino sul balcone (un mini balcone di 80x 120) e a farlo fuori, abbiam dovuto aprirgli le fauci per tirar fuori il povero pennuto..
Ora si divertono a dar la caccia alle mosche, ma questo è un bene!

Mirtilla ha detto...

ricettina davvero insolita e gustosa ;)

bocetta ha detto...

a Elga: grazie!In effetti ha un gusto molto fresco,quindi adattissima a questa calde giornate!

a dolcetto: MI ha subito colpito la tua ricetta,ma non avevo infusi,ma una quantità industriale di carcadè che avevo comprato in egitto l'anno scorso...un'altro modo per farlo fuori :P un abbraccio!

a micaela: lo adotterei volentieri!Ma è nato libero e credo sia giusto torni ad esserlo,o quantomeno che nn sia costretto in una gabbia ^_^un bacio!

a fra:da quello che ho visto in questi giorni la grande prova è quasi arrivata,ormai è perfettamente guarito,grazie per i complimentie a presto!

a Elisa B&Co: I gatti sono fenomenali,il mio era una machina da guerra!però sapeva anche essere dolcissimo.Io e Black siamo "innamorati" ormai,uando ci sono stiamo sempre insieme,e lui non si allontana mai nonostante non gli neghi la libertà...la vedo dura. Ciao e a presto!

a Mirtilla: Grazie ^_^

a.o. ha detto...

Cara Bocetta, mi presento sono a.o.
Fa tenerezza questo tuo tribolare per Black, che pennuto fortunato a trovare te...
Dagli ancora un po'di tempo e poi lascia che sia lui a scegliere, se vuole restare resterà, se vuole andarsene se ne andrà: è la natura che decide.
A presto
a.o.

bocetta ha detto...

grazie a.o!e benvenuta! In realtà vorrei poter fare come molti che trattano gli animali come tali e li piegano completamente alle loro voglie e esigenze...però non ce la faccio,è più forte di me! Tratto gli animali come le persone (senza estremizzare ovviamente) e quindi me ne preoccupo fin troppo ^_^;;;
a presto,un abbraccio!

FairySkull ha detto...

Bellissima questa ricetta !!! Ciao Lisa