22 luglio 2008

Le cronache di Black: Il bruco,il bacarozzo e l'armadio

Una settimana ricca di avvenimenti per il giovane Black! L'ala ormai è veramente guarita e a guardarlo ormai è un adulto,un pò esile ma con la giusta conformazione delle ali,aperte vagamente a "dita" e con i colori brillanti e sfumati tipici delle taccole,con il tempo si irrobustirà. Oggi è la seconda volta che torno da Roma per Black(il Siepe mi stà odiando fortemente perchè la nostra settimana insieme DA SOLI,i genitori sono partiti,si assottiglia sempre più visto che torno ogni due giorni per due giorni da Blackish ^_^;;),e stare quattro giorni,ad intervalli di due,chiusa nel recintino sembra gli abbia fatto bene perchè ogni volta che aprivo era sempre più forte,sopratutto oggi,e questo mi ha dato coraggio per attuare finalemente il piano diabolico. Stanotte mentre dorme aprirò il recinto,così che domattina possa fare quello che vuole,e domani pomeriggio il Siepe verrà a prendermi per riportarmi a Roma con lui...a quel punto Black sarà da solo e dovrà decidere se aspettare me o approcciare il clan. Il problema è che nonostante gli lasci piena libertà,e a volte lo lanci io stessa nel vuoto,se sono a portata di volo torna sempre inesorabilmente sulle mie spalle,così il clan non si avvicinerà mai e lui non sentirà il bisogno di allontanarsi per scoprire e fare nuove amicizie.E' drastica lo sò,sono due giorni che non ci dormo,però mi sembra davvero l'unica. Per il cibo comunque non c'è nessun problema,ho incaricato mia madre e mia zia (le uniche a cui si avvicina ma esclusivamente per mangiare) di lasciare sui balconi cibo e acqua ( sperando che i piccioni non si attacchino anche al pastone per insettivori) e di allungargli qualche pezzo di carne se lo trovano a portata).

Comunque il cibo dovrebbe davvero essere l'ultimo dei suoi problemi,da quando è piccolo gli propongo ogni sorta di insetti,frutta e verdura, e oltre al grosso prugno sempre carico di frutti proprio qui dietro dovrebbe essere in grado di trovarsi degli spuntini proteici. Gli ultimi della lista a conoscere sono stati un bacarozzetto e un bruco,trovati a casa di una mia amica il cui porticato brulica di insetti,che si vanno ad aggiungere alle mosche,alle formiche,alle farfalle (diurne e notturne) le camole,i grilli e qualcos'altro che ogni tanto prende al volo e non riesco a distinguere prima che scompaia tra le sue gentili fauci,tutto servito vivo,seguendo con occhio vigile che catturasse tutto altrimenti mi sarei ritrovata un invasione di insetti in casa. Inoltre ha scoperto la funzione degli sportelli,dell'armadio come della credenza,di cui prima era un pò intimorita,ma che adesso ama sapendo quante cose fantastiche ci si può trovare dentro...anche da mangiare!E tra una vagabondata e l'altra potrà prendere il sole beato come l'ho visto fare solo ultimamente,con le ali e la coda completamente distese,a bocca aperta e con la testa inclinata su un lato,faceva senso a dire il vero,sembrava un archeopterix[...] Avevo iniziato a scrivere questo post alle 18:30 dopo aver lasciato Black sul balcone della cucina ed aver chiuso tutte le finestre in modo che non mi disturbasse (lui odia la tastiera,mi è impossibile scrivere con Blackish nei paraggi del pc) ma dopo circa un quarto d'ora me lo sono ritrovato al centro della stanza che mi guardava di sbieco...la mia camera è nel lato opposto del palazzo rispetto a dove l'ho lasciato,a quel punto,dopo essere salito sopra le ginocchia e aver preteso le carezze (gli piacciono i grattini dietro la nuca come ai cani,a volte ci si addormenta)ho lasciato stare e mi sono dedicata a lui fino ad ora...e mi ha donato uno dei pezzetti più divertenti che abbia fatto fin'ora!Dopo aver trascorso la maggior parte del tempo a farmi impazzire cercando in continuazione di estirpare le mie amate piantone di basilico,si è calmato e si è messo a giocare sul cornicione,scoperto di recentissimo,su cui passa anche mezz'ora di seguito. Il cornicione passa sotto la grondaia per tutto il perimetro del palazzo e mentre ci passeggiava sopra dalla parte del mio balcone,dalla parte di quello di zia si è appoggiato un piccione.Black con un paio di voletti sospetti gli si avvicina e gli si poggia a circa mezzometro.Dopo un paio di occhiate gli si lancia letteralmente contro,e dopo essergli saltato addosso comincia a beccarlo O_O!!!! Il piccione giustamente spaventatissimo vola via,e Black non contento lo insegue O_______O!!! è tornato dopo un pò con fare tranquillo...non ci scommetterei ma sembrava quasi appagato,spero non si sia preso troppe beccate il piccio :P Io non avendo mai visto una cosa simile sono esplosa!Per quanto ho riso ho pianto! Comunque,spero di attuare una strategia giusta lasciandolo un pò di tempo preda solo dell'istinto e privo della mia presenza,comuque relativamente poco tempo in quanto o lunedì o martedì prossimo tornerò...speriamo!Sarà il periodo più lungo di separazione da quando l'ho trovato due mesi fà :..( SPERIAMO!!!! Questa è l'ultima ricetta che avevo in accumulo,ultimamente non ho cucinato se non cose scontate.

Polpette di pesce e datterini al forno

  • 400 gr di nasello (o altro pesce con carni bianche e sode)
  • 2 uova
  • 2 cucchiai di parmiggiano
  • 3 fette di pancarrè tritate
  • 1 mazzetto di erbe aromatiche fresche tritate finemente (erba cipollina,prezzemolo,origano)
  • 1 cucchiaio di latte
  • sale e pepe
  • 200 gr di pomodori datterini
  • origano secco
  • 5 alici sotto sale lavate

per la panatura

  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 5 o 6 capperi
  • 3 o 4 alici sotto sale lavate
  • pangrattato
  • olio
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 uova
  • farina
  • sale

1-preparare la panura: mettere nel robot da cucina il prezzemolo,i capperi,le alici,l'aglio,una presa di sale e olio sufficiente a rendere il tutto un composto liscio e azionare fino ad ottenere una crema abbastanza liquida.Aggiungere una quantità di pangrattato doppia rispetto a quella d'olio e girare fino ad ottenere una panatura della consistenza della "sabbia bagnata".

2- Bollire per 15 minuti circa in abbondante acqua salata il pesce,scolarlo,farlo raffredare e con una forchetta sfaldarlo completamente.Metterlo in una terrina ed aggiungere le uova,le erbe aromatiche,il pancarrè,un pizzico di sale,una macinata di pepe, il parmiggiano e il latte.Lavorare con le mani almalgamando alla perfezione tutti gli ingredienti. Coprire e mettere a riposare in frigo almeno 2 ore.

3-Dopo 2 ore tirare fuori il composto dal frigo e formare con le mani leggermente inumidite delle polpette leggermente schiacciate. Passarle nella farina,nelle 2 uova rimaste leggermente sbatutte e nella panura,metterle su un vassoio e farle riposare in frigo per una notte.

4-Passata la notte preparate i datterini. Dopo averli lavati tagliateli in due parti e allineateli su un teglia rivestita di carta da forno,cospargeteli di olio,sale,origano secco e sistemate su ognuno un pazzettino di alice. Ponete le polpette su di una teglia rivestite di carta forno e cuocete(anche i pomodori) a 180° per 20 minuti circa(controllate la doratura della panatura dopo 10 minuti).Preparate delle fette di pane per fare la scarpetta,i pomodorni fanno un sughetto squisito...ci si potrebbe condire anche la pasta!

5 commenti:

Micaela ha detto...

Ciao Bocetta, non è vero che hai preparato ricette scontate fino ad ora, anzi!!! buonissime le polpette!!! Black orami è la nostra mascotte!!! mi ci sono affezionata anch'io!

Elisa - Basilico&Co. ha detto...

Black cresce sempre di più, è davvero bello vedrai che in questi giorni di tua assenza se non altro imparerà qualcosa di nuovo.. forse è davvero l'unico modo questo...
Interessanti le polpettine =)

Fra ha detto...

Ciao Bocetta se passi da me c'è un piccolo pensiero che ti aspetta
Un abbraccio

Fra ha detto...

Senti io abito vicino a una chiesa...se ti accudisco Black quando sei assente me lo presti come killer di piccioni :D
Vedrai che andrà bene la separazione
Un bacio

la tribu' ha detto...

E' un paitto davvero goloso, da gustare leggendo le tue cronache sempre interesanti! Elga
http://semidipapavero.splinder.com